Sinonimo di Eleganza

Poche opere rasentano una tecnica e una finezza tale da meritarsi gli sguardi di tutti, anche dei più scettici.

Come stupire se non con studiate quanto delicate forme geometriche come ha fatto Yuko Takada Keller?

 

prism1Perfino i più scettici rimangono incantati dalla bellezza e dalla delicatezza delle sue opere, come ad esempio “La piramide rovesciata”.

 

Per non parlare dei magnifici giochi che si creano attraverso le prospettive.

La luce, i colori, la disposizione, il tutto è sapientemente posizionato in una raffinata eleganza che non lascia indifferenti.

Yuko Takada Keller nasce il 1° maggio nel 1958, ad Osaka. Dal  1981 al 1983 inizia a frequentare la Kyoto University of Art, e nel 1997 collabora con diversi professori dell’università di Osaka (Osaka Seikei University).

Esibisce le sue opere non solo in Giappone ma anche in Europa, fra cui la Danimarca, nella quale si trasferirà poi sempre a partire dal 1997, e dove tutt’ora risiede.

Non è raro che la Keller inviti artisti suoi connazionali a partecipare alle sue mostre o a svolgerne altrettante.

1001251_10151807571525731_2031204660_n

Un po’ come una mediatrice, ella rappresenta un ponte fra Giappone ed Europa, due culture totalmente differenti che vanno sempre più spesso nella stessa direzione.

Le opere di Takada Keller non sono mai pesanti, ma sempre delicate e leggere nonostante visibilmente voluminose, tanto da sembrare massicce.

L’artista riprende la figura dell’Origami tradizionale giapponese e la personalizza, facendola sua e re-inventandola a proprio piacimento, creando così onde gigantesche di farfalle, strisce di carta simili all’acqua, mezzelune formate da tanti piccoli cuori.

Lo spettatore non si stupisce per i semplici componenti quanto per l’insieme che ciò che vi è di semplice risulti così complesso e bello.

bta01

[ https://www.facebook.com/YukoTakadaKeller.Fanpage?fref=ts]

Annunci